Pagina iniziale Navigazione Contenuto Contatti Sitemap Cerca

Codice Quick Response (codice QR)

Ori­gi­na­ria­mente i codici QR furono svi­lup­pati per con­tras­se­gnare com­po­nenti e moduli nel set­tore della pro­du­zione auto­mo­bi­li­stica. Con il tempo sono stati adot­tati anche da set­tori come l’editoria e il mar­ke­ting per con­sen­tire un col­le­ga­mento diretto da oggetti fisici (pro­dotti, stam­pati, poster ecc.) al mondo online per ren­dere dispo­ni­bili infor­ma­zioni più appro­fon­dite. Poiché il con­te­nuto dei codici QR non è imme­dia­ta­mente deco­di­fi­ca­bile da un essere umano, i codici vanno scan­sio­nati usando p. es. lo smart­phone.

Prima di leg­gere un codice QR, quindi, l’utente in genere non può rico­no­scere il tipo di infor­ma­zioni che sono state codi­fi­cate. Per questo motivo è con­si­glia­bile, se pos­si­bile, uti­liz­zare uno scanner di codici QR (un’app) che visua­lizzi innan­zi­tutto i con­te­nuti deco­di­fi­cati e chieda con­ferma prima di aprire un certo link o ese­guire una certa azione.

Esempio del codice QR di «eBanking – ma sicuro!»

Send this to a friend